Social network: quanti follower servono per il business?

Quanti follower sui social network servono per far prosperare il tuo business? Ecco la domanda principale che un libero professionista o un imprenditore pongono e si pongono. Facciamo chiarezza e diamo una risposta.

In principio erano le “vanity metrics” ovvero quei numeri spesso e volentieri finti o gonfiati. Si tratta di app, tutt’ora in giro, che consentono di acquistare follower (in realtà profili falsi) per far sembrare una pagina, soprattutto di personaggi pubblici, molto seguita. Oggi, gli utenti e gli algoritmi, però, valutano molto di più le interazioni: ad esempio, su una pagina da 100.000 fan o follower come è possibile che non ci siano post con più di 10 like?

Leggi l’articolo sulle abitudini del tuo cliente

Per fortuna, negli ultimi anni si è avuto uno sviluppo tale per cui non sono più importanti i numeri senza se e senza ma. Contano, anche se non tutti ne sono ancora consapevoli, le relazioni che si instaurano. Seguo molti professionisti e questo mi ha permesso di sviluppare una certa esperienza in materia.

Non hai bisogno del numero di follower di Chiara Ferragni perché tu non sei una fashion blogger e non vendi abbigliamento e accessori per tutti o quasi. Sei un avvocato? Un ingegnere? Un medico? Allora non vendi, al massimo proponi.

Quindi potrebbero bastarti anche solo pochi follower. Quanti? Anche solo 1.000 secondo una teoria nata per il mondo degli artisti ma ugualmente valida anche per altri settori come quello edile o legale o sanitario.

A creator, such as an artist, musician, photographer, craftsperson, performer, animator, designer, videomaker, or author – in other words, anyone producing works of art – needs to acquire only 1,000 True Fans to make a living.

In cosa consiste la teoria dei 1.000 fan?

Significa che per vivere bene il tuo business ha bisogno di sole 1.000 persone davvero “innamorate” del tuo lavoro al punto da ingaggiarti e permetterti di guadagnare adeguatamente. Pensaci bene, anche nel tuo settore probabilmente ne bastano anche meno.

Per concludere, sui social network è passato il tempo dello “stare”, ora è necessario interagire, creare relazioni durature (e non sempre a pagamento costante) al fine di farsi ingaggiare.

Contattami se hai bisogno di aiuto

Lascia un commento