Social Media per Professionisti

Il blog dedicato alla comunicazione dei liberi professionisti sui social media

Facebook ha imboccato una strada precisa negli ultimi tempi: abbassare la visibilità gratuita delle pagine, di qualsiasi genere. Le finalità sono del tutto evidenti, in particolare farci pagare affinché gli utenti possano leggere quello che scriviamo. Tuttavia, qualcosa possiamo ancora farla: curare la community.

Abbiamo già parlato dell’importanza di una comunità per i tuoi social media, anche se in questo caso ci riferivamo alla possibilità di creare delle comunità, legate intorno magari ad uno specifico interesse, facendo in modo che le persone potessero viverle in sicurezza.

Iscriviti al nostro canale Telegram per rimanere aggiornato

Questa volta, invece, vorrei analizzare un caso piuttosto frequente di calo improvviso della visibilità delle nostre pagine, nello specifico dei post. 

Analizza. Scorri i tuoi insights per verificare e certificare questo calo di reach organica. Potresti verificare, ad esempio, che riguarda una determinata tipologia di contenuto. Sappiamo quanto Facebook ami i video rispetto agli altri formati e una risposta potrebbe essere proprio quella di stilare un nuovo piano comunicativo basato su di essi.

Sperimenta. Prova a cambiare non solo formato ma anche temi ed argomenti dei tuoi post. Potresti scoprire che il calo è solo legato a determinati fatti e, contestualmente, ricevere proprio dai tuoi fan le indicazioni per tornare ai fasti di un tempo. Come? Direttamente o indirettamente. Ovvero attraverso commenti diretti o leggendo i dati insights.

Cura. Occupati della tua community, crea gruppi e non smettere mai di moderarli e di farli crescere. Se è vero che Facebook sta dando maggiore visibilità ai contenuti postati all’interno dei gruppi perché non sfruttare questa strategia a proprio vantaggio?

Se hai creato una tua comunità digitale, piccola o grande non fa differenza, oppure partecipi attivamente a quelle degli ambiti che ti interessano potrai interloquire direttamente con le persone che vuoi raggiungere.

Per concludere, non mi stancherò mai di ripetere che la presenza sui social non è da intendere né come vetrina di “compra qui”, “3×2” e via dicendo, né tanto meno come pulpito informativo dove parlare (o scrivere) in modalità top/down senza curarsi del seguito (soprattutto dei commenti).

Prova a mettere in pratica questi consigli, altrimenti potrai seguire quelli di Facebook che per far ritornare la visibilità dei post delle tue pagine ti propone solo di pagare.

Contattaci

Related Posts